Il grafico che segue mostra una statistica interessante sul Miracolo Americano di Wall Street. Siamo al mese 102 senza una correzione del 20%+ sul Dow Jones: il rialzo lineare ha quindi superato quello del 1929 ed è ora terzo dietro a quelli del 2000 e della seconda metà degli anni ’50. Ma una correzione del 10% dai massimi manca anche da 22 mesi (101 settimane per la precisione) e un calo del 5% dai massimi manca da 18 mesi (81 settimane), seconda lettura di sempre dopo le 84 settimane del 1959.

Insomma, Wall Street se ne va in verticale: più che in rialzo è in erezione priapica. Il Viagra sono stati 8 anni di QE, lo stimolo l’elezione di Trump (le frecce sul grafico) e il Dollaro debole.

Come si vede sul grafico mensile, l’RSI – misura principe insieme al ROC degli eccessi – è ai massimi di sempre: più del 1929, più del 1987 e molto più del 2000 e del 2007. Solo compratori: venditori e orsi, come si dice in questi casi, asfaltati.

La buona notizia è che nel passato queste letture record si sono verificate nelle fasi finali ma non terminali dei rialzi e hanno preceduto di alcuni mesi (3-15) top significativi. Per chi avesse dormito fino a adesso, quindi, c’è ancora tempo per giocare col fuoco. Nulla è impossibile: può anche darsi che alla fine – dopo anni di chiamate infruttuose – la Debole Europa sfrutti l’effetto-elastico e si faccia tirare un pò su dagli USA…

Shiller P/E verso i massimi del 2000

Nel frattempo il nostro servizio MARKET ALERT ha ottenuto, dal 2 Gennaio ad oggi e con una sola operazione effettuata ad inizio mese, le seguenti performances:

  • +10.77% sulla selezione Italia Big Cap (meglio dell’indice)
  • + 6.29% sulla selezione Italia Mid Cap (meglio dell’indice)
  • + 9.95% sulla selezione USA (meglio dell’indice)
  • + 3.30% sulla selezione Europa

Se vuoi vedere il video su come funzionano i nostri modelli e avere più informazioni,

clicca qui

CONDIVIDI
Articolo precedenteGoodbye yellow brick road
Articolo successivoFilm – La forma dell’acqua (*****)
Questo sito nasce dalla mia passione per lo studio dei mercati finanziari e dalla mia ricerca più che ventennale nel campo dell'analisi tecnica e quantitativa. Mi rivolgo all'investitore, appassionato di borsa e di mercati che cerca un'opinione indipendente e un approccio sistematico alla comprensione dei cicli finanziari e delle strategie di allocazione.