Rachel (Emily Blunt, sempre brava ma non certo ai livelli dell’ottimo “Sicario”) è una donna torturata interiormente dall’abbandono dal marito, il quale vive con un’altra donna da cui ha avuto un figlio. Beve, è gelosa, è sconclusionata, non riesce a rimettere insieme il passato, la sua vita va in pezzi e combina tutto ciò che di peggio si può fare in questi casi. Forse qualcosa di troppo. Un vero peccato questo film, che parte benissimo con un primo tempo notevole e tre attrici perfettamente allineate ai personaggi: ma si scioglie un pò alla distanza, con un finale prevedibile e sopra le righe. Consigliato alle donne (chi non avesse letto il libro, vedendo il film capirà perché). Occasione perduta.

* = INGUARDABILE
** = MEDIOCRE
*** = BUONO
**** = DA VEDERE
***** = GRANDE FILM
****** = CAPOLAVORO ASSOLUTO

Film – “La ragazza del treno” (***) ultima modifica: 2016-11-19T03:38:22+00:00 da Francesco