Lo studio dei fenomeni di speculazione di massa porta a notare che le bolle si sviluppano in sequenze o a grappoli in un determinato periodo di tempo e che quindi tendono ad essere eventi che sono correlati uno con l’altro: ogni bolla, infatti, conduce a una crisi e la risposta a ciascuna di queste crisi a suo modo pone le basi per la bolla successiva. Il grafico (S&P500 trimestrale 1928-2013) evidenzia molto bene – attraverso due nostri indicatori proprietari – come il mercato azionario americano sia in una delle situazioni di maggior tensione tecnica della sua storia.

S&P trimestrale 1928-2013

Accoppiata con il livello di utilizzo della leva finanziaria più intenso di sempre,

Margin Debt 082013

e con la riapparizione ripetuta nelle ultime sedute dell’Hindenburg Omen, questa situazione presenta connotazioni di lungo termine di grande cautela. Sul breve, come sempre, tutti credono di poter “uscire in tempo” e di trovare qualcuno che compra da loro a prezzi più alti. La Storia, evidentemente, insegna poco o nulla.

Buon Ferragosto a tutti.

Francesco Caruso svolge la sua attività di analisi su indici, titoli, ETF, reddito fisso, commodities e valute attraverso il sito, i portafogli modello e i report di www.cicliemercati.it.

 

Ferragosto, leva mia non ti conosco ultima modifica: 2013-08-15T20:50:31+00:00 da Francesco