Driva dei continenti

Condivido con chi mi segue il piacere della scoperta di un romanzo a mio giudizio semplicemente splendido, sia per scrittura che per struttura e trama. Un incipit classico, degno di Joyce, uno sviluppo degno dei migliori romanzieri americani.  Mi limito (per non levare il piacere a chi lo leggerà) a dire che è un grandissimo racconto  sulla costruzione e distruzione del proprio destino e sulle miserie e nobiltà umane: benché scritto negli anni ’80, tocca un doppio tema assolutamente attuale come lo scontro tra immigrazione e crisi economica. Chi lo inizia è destinato a non staccarsi fino alla fine: veramente un mistero alla Stephen King il perché non ne sia ancora stato tratto un film. Mio personale libro dell’anno.
“La deriva dei continenti”, di Russell Banks ultima modifica: 2013-08-18T10:29:13+00:00 da Francesco