Il 23simo film della saga di 007 è uno dei migliori di sempre,  fatti salvi (anche per ragioni affettive) i primi tre memorabili capitoli: “Licenza di uccidere”, “Dalla Russia con amore” e “Missione Goldfinger”. Sam Mendes (“American Beauty”, “Era mio padre”, “Jarhead”, “Revolutionary road”, “American life”: tutti belli) sceglie la strada del rinnovamento e ripulisce il Bond di Daniel Craig da molti miti insostenibili (machismo, invulnerabilità, perfezione formale), facendone un cinquantenne – tanto è vecchia la serie – splendido ma con forte tendenza all’alcool, barba incolta e problemi di mira. Ma il fisico è integro e l’uomo è un mito: così nel film Bond si riprende tutti i suoi punti, fino a un finale stile “sfida all’OK Corral” nella tenuta della sua vecchia casa natia, Skyfall. L’avversario di 007 è Javier Bardem (grande), l’indimenticabile killer di “Non è un paese per vecchi”, che attenta non solo alla vita del Nostro ma anche alla sua integrità di macho. Due ore e passa di ottimo cinema d’azione, che va preso per quello che è (uno spettacolo scacciapensieri) ma che diverte e rilassa. La mezza stella in piu’ è per l’Aston Martin DB5 con mitragliatrici, sedile eiettabile, rostri alle ruote e scudo paraproiettile posteriore, rispolverata dai primi film: un colpo al cuore. Godibilissimo.

* = INGUARDABILE
** = MEDIOCRE
*** = BUONO
**** = DA VEDERE
***** = GRANDE FILM
****** = CAPOLAVORO ASSOLUTO

Film – “007 Skyfall” (****1/2) ultima modifica: 2012-11-22T13:33:37+00:00 da Francesco