La Solitudine dei Numeri Primi (***)

231

I numeri primi sono divisibili (quindi rapportabili) solo con l’unità e con sé stessi: quindi soli. Alice e Mattia sono numeri primi da quando – bambini – due tragedie ne hanno segnato la vita. Si incontrano, si scontrano, si lasciano, si salvano, si perdono e (forse) si ritrovano. Il regista Costanzo si coccola uno dei più grandi successi editoriali degli ultimi anni e ne trae un lavoro a volte intenso, anche disturbante – alcuni punti ricordano per tensione il miglior Dario Argento – ma a volte forse troppo introspettivo, lento, contorto. Film comunque interessante e a suo modo sopra la media: ma la grande bravura degli attori – su tutti le tre straordinarie attrici che interpretano Alice nelle varie età – non cancella del tutto l’odore di (furba) operazione commerciale.

La Solitudine dei Numeri Primi (***) ultima modifica: 2010-09-12T09:14:17+00:00 da Francesco